LA BOCCA DELLA VERITA’

La Bocca della Verità è un antico mascherone in marmo pavonazzetto, murato nella parete del pronao della chiesa di Santa Maria in Cosmedin di Roma dal 1632. Il mascherone rappresenta un volto maschile barbuto; occhi, naso e bocca sono forati e cavi. Il volto è stato interpretato nel tempo come raffigurazione di vari soggetti: Giove Ammone, il dio Oceano, un oracolo o un fauno.

Aggiornato il 01.12. 2022

La Bocca della Verità è un antico mascherone in marmo, murato nella parete del pronao della chiesa di Santa Maria in Cosmedin di Roma dal 1632. Il mascherone rappresenta un volto maschile barbuto; occhi, naso e bocca sono forati e cavi. Il mascherone gode di fama antica e leggendaria: ad esso veniva attribuito il potere di pronunciare oracoli e verità, soprattutto ad uso dei mariti e delle mogli che dubitassero della fedeltà del coniuge. Sembra che la prova consistesse nel mettere a rischio la mano inserendola nella Bocca.

Verità e Menzogna

Perché tanto stupore quando ci accostiamo a Verità?  La risposta sta in una storia millenaria. Siamo stupiti perché raramente abbiamo la possibilità di incontrarla e quando finalmente la vediamo ci rendiamo conto di quanto sia semplice e bella. Non si nasconde dietro abiti sfarzosi e ornamenti preziosi: Verità ci appare nella sua nudità – la nuda Verità – e proprio per questo motivo se ne sta pudicamente appartata, nascosta, cerca di sfuggire agli sguardi. Molto più frequentemente incontriamo Menzogna che ci ammalia con eloquio suadente e si pavoneggia indossando la veste di Verità, la veste che le ha furtivamente sottratto con l’obbiettivo di ingannarci.

Ma cosa è accaduto?

Si racconta che, tanto tempo fa, lungo un tratto di strada, Menzogna si accostò a Verità; le due camminarono insieme e si misero a dialogare. In realtà, soprattutto Menzogna era molto loquace e convincente ed ebbe buon gioco quando propose a Verità di prendere un bagno rinfrescante nell’acqua affiorante di un pozzo. Faceva caldo e l’acqua era molto invitante. Si spogliarono e si immersero. Improvvisamente Menzogna, con un balzo, usci dall’acqua; prese i vestiti di Verità e fuggì. Da allora, Menzogna se ne va in giro tra la gente indossando le vesti della Verità, si compiace della propria eleganza e dell’apprezzamento che legge negli sguardi delle persone. A Verità non resta altra possibilità che nascondersi a protezione della propria nudità.

————————————————————————————

§ (01.12.2022) La crisi dell’euro è stata riassunta, meglio di chiunque altro, da
Jean-Claude Juncker, primo ministro del Lussemburgo e capo dell’Eurogruppo:
«Sappiamo tutti cosa bisogna fare. Solo che non sappiamo come farci rieleggere
una volta che l’abbiamo fatto
».

____________________________________________________________

§ (29.11.2022) Il cemento che consolida le relazioni sociali di un popolo, o più popoli, che si danno un ordinamento comune per sviluppare il benessere condiviso, è la solidarietà. Se non c’è la solidarietà non ci può essere comunione di interessi, non ci può essere l’unione politica. Ci possono essere accordi economici che mettono in comune il mercato, che staliscono regole condivise. Ma, se l’unione si limita a questo, ognuno persegue il proprio interesse nell’ambito di relazioni animate da competizione e conflittualità e non da cooperazione . E’ questa l’Europa sognata dall’europeista convinto ?

Massimo Cacciari, in un solo minuto, spiega questa elementare verità.

—————————————————————————————

§ (19.11.2022) … i padri fondatori … l’Europa Unita per la pace ? … o, invece, l’Europa Unita come progetto politico e militare americano antisovietico ?

Per quanto non si possa dire pubblicamente, il fatto è che l’Europa per nascere ha bisogno di una forte tensione russo-americana, e non della distensione, così come per consolidarsi essa avrà bisogno di una guerra contro l’Unione Sovietica da saper fare al momento buono“. (Altiero Spinelli, Diario europeo 1948-1969, Il Mulino, Bologna, 1989, p. 175)

—————————————————————————————

Lui, Ernesto Rossi, co-autore del Manifesto di Ventotene con Spinelli e Colorni, , lo aveva capito 67 anni fa

“Mi pare che la Federazione europea sia ormai… un’idea generosa, ma fuori di ogni possibilità concreta di realizzazione. Ho sprecato troppo del mio tempo nel Movimento Federalista Europeo senza costrutto, e le parole d’ordine europeiste servono a involtare merce sempre più avariata.”

Da una lettera di Ernesto Rossi, coautore del Manifesto di Ventotene, a Einaudi del 22 maggio *1955* (in Faucci, Luigi Einaudi, UTET, Torino, 1986, pag. 394).

————————————————————————————

§ (19.11.2022) Che idea dell’UE può avere un cittadino greco quando vede che da Bruxelles partono miliardi di aiuti all’Ucraina ? Di fronte al disastro sociale conseguente alla crisi del 2011, l’UE impose lacrime e sangue al popolo greco, una vera e propria macelleria sociale che colpì quelli che, a tutti gli effetti, erano cittadini europei e non penalizzò, come sarebbe stato equo, coloro che avevano dirette responsabilità nell’aver causato la crisi. E sarebbe bastato molto meno rispetto agli aiuti, più che doverosi, elargiti al popolo ucraino. E’ come se la risposta del governo italiano all’emergenza causata da un terremoto in una regione italiana fosse l’invito ad arrangiarsi e a tirare la cinghia mentre lo stesso governo stanzia risorse ingenti per soccorrere Paesi stranieri in difficoltà.

———————————————————————————-

§ (07.11.2022) Questo giornalista della RAI mette in evidenza una verità: la sua totale ignoranza sull’argomento. Dimostra di essere al livello zero della conoscenza dei problemi dell’Eurozona. Al livello zero si ignora completamente la dimensione della complessità: tutto è semplice, quasi banale: “l’euro ce l’ha anche la Germania, è la stessa moneta che abbiamo anche noi, ma la Germania è ricca, ergo non può essere l’euro la spiegazione dei nostri guai“. Al livello zero non c’è spazio per il dubbio, ci sono solo certezze. Soprattutto la certezza di essere dalla parte giusta, certezza che autorizza atteggiamenti di tracotanza e di malcelato livore nei confronti di coloro che pongono la questione in termini problematici e quindi stanno dalla parte sbagliata.

————————————————————————–

§ (14.10.2022) Professor Michele Geraci (qui)

  • è molto più facile convincere la gente di una bugia che convincerla che quella era una bugia;
  • ma come è possibile che nel nostro paese, culla di scienze, invenzioni, tecnologia, il dubitare, farsi domande, farle ad altri e non credere a tutto quel che si ascolta è diventato quasi sinonimo di sovversivo, o addirittura fascista?

———————————————————————————

§ (04.10.2022) … PNRR … la pioggia di miliardi … che l’Europa ci regala … la solidarietà dei nostri partner europei … le menzogne … e la nuda verità …

il Ministro Franco (qui il video): << Nessun euro è regalato >>. Dovremo restituire ogni euro dopo averli spesi secondo le destinazioni e nei tempi che ci sono stati imposti. Forse per questo altri Paesi hanno preferito rinunciare (in tutto o in parte) alla quota a debito e, piuttosto, debito per debito, hanno fatto ricorso direttamente al mercato per essere liberi di spendere come e quando ritengono più opportuno. Tra i 27 Paesi dell’UE, soltanto 6 Stati membri hanno chiesto di accedere, in tutto o in parte, alla quota a debito oltre la quota così detta di sussidi. Così detta, perchè anche questa quota dovrà essere restituita a carico dei contribuenti italiani, come ha precisato il Ministro Franco.

Giuseppe Liturri (qui) fa il punto sul Next Generation EU al 4 ottobre 2022. Dei 724 miliardi del RRF (il cuore del NGEU) sono stati richiesti dagli Stati membri soltanto 504 miliardi: 338 di sussidi e 166 di prestiti; questi ultimi sono stati richiesti in massima parte (il 74%) dall’Italia che, oltre ai 68,9 di sussidi, ha richiesto di accedere anche all’intera quota a debito (122,6 miliardi) per un totale di 191,5 miliardi. Complessivamente, sono rimasti stanziati dall’UE ma non richiesti dagli Stati membri circa 200 miliardi di prestiti. Ma ciò che conta e che genera la crescita sono i pagamenti non i fondi impegnati dall’UE e richiesti dagli Stati. E su questo fronte ci si ferma a 113 miliardi. A due anni e mezzo dal lockdown pandemico, solo l’inezia di 113 su 724 miliardi sono arrivati nelle casse degli Stati membri. Lo 0,8% del PIL della UE. Altra cosa è poi l’effettiva capacità di spesa da parte degli Stati (bandi, apertura dei cantieri, inizio dei lavori). Per quanto riguarda l’Italia, dei 191,5 miliardi assegnati soltanto circa 21 saranno effettivamente spesi entro la fine di quest’anno, come certificato dall’Osservatorio sul Recovery Plan dell’Università Tor Vergata (qui).

—————————————————————————————

§ (04.10.2022) << Esistono due modi per riportare il rapporto debito/PIL ad un livello più ragionevole: ridurre il numeratore attraverso l’austerità o aumentare il denominatore attraverso gli investimenti. Una decade fa l’UE ha seguito la prima strada durante la crisi della zona euro e si è rivelata un enorme fallimento. Gli Stati Uniti hanno preso quest’ultima strada dopo la seconda guerra mondiale e si è rivelata un grande successo […] L’UE correrebbe un rischio enorme se tornasse alle vecchie regole >>.

Un enorme fallimento“. Come spesso accade, la sorpresa riguarda la fonte di questa semplice e nuda verità. Questa dura sentenza non è stata pronunciata dai soliti sovranisti, nazionalisti, anti-europeisti. E’ scritta in un documento (qui) del Servizio del Bilancio del Senato. Dopo venti anni di regole assurde e dopo dieci anni di austerità che hanno messo in ginocchio l’economia del nostro Paese, anche in Senato hanno finalmente capito quanto altri avevano indicato venti anni fa. Meglio tardi che mai. Ma quanti europeisti convinti (meglio mai che tardi) non cederebbero mai, neanche di fronte all’evidenza, ad una valutazione critica in tema di regole e politiche dell’Unione Europea.

————————————————————————————–

§ (02.10.2022) << Poteri economici sovranazionali tendono a prevalere e a imporsi, aggirando il processo democratico >>. Dal messaggio del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella al Parlamento nel giorno del giuramento il 3 febbraio 2022 (qui).

E’ una semplice nuda verità: ma, se pensiamo che vengono dal Custode della Costituzione, sono parole che pesano come pietre e non possiamo non domandarci che fine abbiano fatto la sovranità dello Stato e la sovranità nello Stato (sovranità popolare) , parole chiave negli scritti di Alessandro Somma (vedi qui)

Non è accaduto per caso. Quanto indicato da una fonte così autorevole è, in realtà, un preciso obbiettivo dell’ideologia neoliberale: liberare le dinamiche dei mercati dall’influenza distorsiva degli Stati e della politica. Lo stesso Mattarella lo aveva denunciato molti, molti anni fa (7 febbrario 1989) in una intervista alla Repubblica (qui)

<< In tutto l’Occidente è in corso un processo per cui i veri centri di decisione rischiano di trasferirsi fuori dalla politica. Guardi che la mia non è una difesa interessata del mestiere di politico. Esiste davvero il pericolo che la politica diventi una sovrastruttura che galleggia su altri centri di potere né palesi né responsabili. La politica, invece, dev’ essere un punto alto di mediazione nell’interesse generale. Se la politica non è in grado d’esser questo, le istituzioni saltano e prevale chi ha più forza economica o più forza di pressione, che è poi lo stesso. […] C’è infine conclude Mattarella lo sforzo per recuperare il senso dello Stato. Non mi faccia dire di più. Il confine fra attività pubblica e interessi privati va ristabilito in modo rigido. Anche su questo il mio partito deve impegnarsi al congresso. E’ il presupposto da cui discende un altro livello di problemi: come ridare efficienza alla pubblica amministrazione, in quale modo realizzare di nuovo lo Stato sociale in condizioni tanto cambiate.>>.

Realizzare di nuovo lo Stato sociale“: c’era già, nel 1989, piena consapevolezza della deriva che ci stava allontanando dallo Stato sociale per approdare allo Stato neoliberale.

E’ bellissima l’immagine che Matarella ci propone in merito al ruolo che l’ideologia neoliberale ha ritagliato per la politica: una sovrastruttura che galleggia su altri centri di potere né palesi, né responsabili.

————————————————————————————-

§ (01.10.2022) A testimonianza di quanto ho scritto (qui) a proposito delle mitizzazioni e delle agiografie di Mario Draghi, finalmente una semplice verità dichiarata da un autorevole editorialista ex dirigente di Banca d’Italia che fu anche Segretario Particolare del Governatore Antonio Fazio (da il Fatto Quotidiano del 26.01.2022, Angelo De Mattia, Il contesto in cui il Santo “salvò l’euro” nel 2012):

<<… si sono profuse molte parole per un’agiografia dello straordinario sangue freddo di Mario Draghi, grande giocatore (figurato) di poker, impassibile. E a dimostrazione di ciò viene ricordata la famosa dichiarazione “whatever it takes” del 26 luglio 2012, volta a evitare la disintegrazione dell’euro. Non metto in dubbio la competenza e le capacità di Draghi; ma una buona volta si vuole ricordare che quella frase veniva dopo che il Consiglio europeo dei capi di Stato e di governo aveva espresso, non molto tempo prima, la propria posizione favorevole all’acquisto sul mercato secondario di titoli pubblici da parte della BCE? [] chi allora si sarebbe potuto opporre alle dichiarazioni di Draghi? Gli operatori? Ma essi conoscevano e conoscono bene l’antica “regola” secondo la quale è assolutamente sconsigliabile “mettersi contro” una Banca centrale>>.

Insomma, Draghi ha salvato l’euro da se stesso, dalla fragile architettura che lo sorregge, e non ha sfidato in combattimento nessun nemico determinato a disintegrarlo: ha avviato una nuova fase della politica monetaria – al limite della violazione dello statuto della BCE – avendo avuto, preventivamente, l’avallo del Consiglio europeo e non avendo alcun motivo di temere un braccio di ferro con gli operatori del mercato dei titoli pubblici.

Da allora, la BCE è intervenuta nei mercati di titoli di Stato e lo ha fatto spingendosi al limite delle norme che disciplinano il suo operato. Anzi, secondo la Corte Costituzionale tedesca è andata oltre i limiti (ultra vires nel suo lessico forbito). A ben vedere, ha fatto niente di più di quanto fanno tutte le banche centrali del mondo. Ergo: la BCE ha risolto un problema creato dal suo stesso esistere, per come è stata concepita dai Trattati e dal suo statuto.

————————————————————————————–

§ (11.09.22) Anche l’Unione Europea a volte, per non rischiare la mano nella Bocca della Verità, si lascia sfuggire la verità. In un documento della Commissione Europea ( Rapporto annuale su occupazione e sviluppi sociali del 21 gennaio 2014) si legge:

<<Venuta meno la possibilità di svalutare la moneta, i paesi della zona euro che tentano di recuperare competitività sul versante dei costi devono ricorrere alla “svalutazione interna” (contenimento dei prezzi e dei salari). Questa politica presenta però limiti e risvolti negativi, non da ultimo in termini di aumento della disoccupazione e del disagio sociale>>.

E’ una ovvietà: il regime di cambi fissi è un potente dispositivo di disciplina del costo del lavoro inteso, nella logica liberista, come prezzo di una merce come tutte le altre, con buona pace del principio lavoristico sul quale è fondata la nostra Costituzione. Un dispositivo che mira a spoliticizzare il conflitto distributivo tra capitale e lavoro riconducendolo esclusivamente a dinamiche di mercato. Funziona così: vuoi che i tuoi prodotti siano comprati dagli altri paesi ? Devi contenere i prezzi limitando il costo del lavoro.

E’ una ovvietà, ma è sorprendente che venga detto in modo così esplicito. Il problema viene peraltro derubricato a mero risvolto negativo considerando che, in questo modo, si genera aumento della disoccupazione e del disagio sociale. Purtroppo; anzi purtroppissimo per chi paga il conto. Dietro un prezzo basso c’è un salario basso, ma dietro a salari bassi ci sono enormi problemi, non tanto quelli sociali (questi non sono niente più che un risvolto negativo!), ma problemi in merito al funzionamento del capitalismo e alla sua stabilità: ogni singolo imprenditore vorrebbe contenere il costo del lavoro ma, se lo fanno tutti gli imprenditori, si riduce la quota salari sul reddito nazionale e si riduce la capacità d’acquisto dei lavoratori. A questo punto, i prezzi dei prodotti sono diventati competitivi, ma chi li compra?

———————————————————————————–

§ (01.06.22) Succede, a volte, che si dica implicitamente la verità volendo affermare il contrario:

scrive Luigi Marattin@marattin:

<<A sinistra la foto che tutti mostrano: i salari in Italia sono praticamente fermi da 30 anni. A destra quella che in pochi mostrano: la produttività del lavoro nello stesso periodo. Persino più del peso fiscale, eccola la ragione per cui i salari non crescono>>.

E’ vero, come fa notare Marattin, che la produttività del lavoro si è appiattita in Italia a partire dal 2000. Ne deduce Marattin che questo giustificherebbe quanto evidenziato nel primo grafico che non richiede spiegazioni. In altre parole, i salari in Europa sono cresciuti ovunque perché ovunque è aumentata la produttività del lavoro, diversamente da quanto si è verificato in Italia. Non possiamo certo confrontarci con i paesi della parte alta della classifica che, usciti dal sistema sovietico, hanno raddoppiato o triplicato il prodotto interno. Se guardiamo alla Germania e alla Francia (+30% circa), il divario nella crescita degli stipendi è comunque notevole.

Senza entrare nel merito delle cause (e ci sarebbe tanto da dire !), e trascurando per semplicità la diversità dei periodi temporali considerati, in realtà i due grafici ci dicono che – seguendo la condizione di equilibrio indicata da Marattin – i salari italiani oggi dovrebbero essere più alti almeno del 15% (12 punti di produttività più 3 punti percentuali di riduzione degli stipendi). Non sarebbe poco.

La verità nuda e semplice:

<< Cosa dico agli imprenditori che si lamentano perché non trovano lavoratori ? Pagateli di più >>.

Pay them more“. Pagateli di più.

Joe Biden ha risposto così, con tre semplici parole (qui). Smontando tutta la retorica sui giovani e sui lavoratori scansafatiche. Che è solo retorica, appunto. Negli Stati Uniti come in Italia.

————————————————————————————–

§ (28.06.21) Queste dichiarazioni di Mario Monti rimangono il top dei top, ecco le sue verità (penso con preoccupazione alla sua povera mano se l’avesse infilata nella Bocca della Verità) :

. . . la Germania ha fatto il grande sacrificio di rinunciare al Marco . . . (sic !)

. . . i vincoli dell’€ hanno costretto la Grecia a dare peso alla cultura della stabilità . . . (sic !)

. . . stiamo assistendo – e non è un paradosso – al successo dell’euro e la Grecia è la manifestazione del più grande successo dell’euro . . . (sic !)

Mi astengo da ogni commento sulla macelleria sociale imposta alla Grecia, altro che cultura della stabilità.

Sul grande sacrificio della Germania: mi limito ad osservare che soltanto chi non vuole vedere la realtà può pensare che la sostituzione del Marco con l’euro sia stato un sacrificio per la Germania, il Paese che ha tratto il maggiore vantaggio dalla moneta unica. Riporto la testimonianza di due esponenti della politica tedesca:

Schulz: “nessun paese trae maggior profitto dall’Unione Europea della Repubblica Federale della Germania; nessun Paese ha un vantaggio maggiore dall’euro e dal mercato unico che la Germania

Ska Keller: “se la Germania lasciasse l’euro ne avrebbe enormi svantaggi” (NB: questa dichiarazione è stata cancellata dal video disponibile sul sito di Ballarò, ma il web ha una memoria di ferro e non perdona!). Franziska “Ska” Keller è parlamentare europea tedesca dal 2009 e candidata dei Verdi alla presidenza della commissione europea nel 2014 e nel 2019.

Theo Waigel, ex ministro delle finanze:

—————————————————————————————

§ (25.06.21) Alessandro Barbero: l’Unione Europea è un’istituzione realmente democratica?

Parole semplici e chiare, verità profonde:

—————————————————————————————

§ (24.06.21) … quando esponenti politici e sindacali tedeschi dissero la verità al professor Emiliano Brancaccio

————————————————————————————–

§ (24.06.21) … quelli che l’euro è irreversibile: in realtà l’euro è come l’amore “è eterno finché dura

Anche Ignazio Visco ha messo la mano nella Bocca della Verità: una moneta senza Stato può durare fino a un certo momento ma poi c’è bisogno di uno Stato e di un’unione di bilancio

  • poiché quanto auspicato da Visco non sta scritto in nessun trattato (anzi nei trattati sta scritto che ogni passo in quella direzione è vietato),
  • poiché non esiste nessun accordo per una futura modifica dei trattati nel senso auspicato,
  • poiché non è all’orizzonte alcuna volontà politica di procedere verso uno Stato federale,

ergo, chi parla di irreversibilità esprime niente più che un proprio auspicio privo di concreto fondamento.

____________________________________________________________

§ Federico Fubini, non certo un severo fustigatore delle disfunzionalità dell’eurozona: Negli Stati Uniti l’amministrazione di Joe Biden sta lanciando l’azione contro la disuguaglianza più decisa dell’ultimo mezzo secolo. In Europa oggi si preferisce fingere di credere che il Recovery sia la sola risposta possibile e sufficiente. E in Italia i partiti, anche di sinistra, parlano quasi solo di se stessi. Anche culturalmente siamo indietro“.

—————————————————————————————————————–

§ Massimo Garavaglia svela la minaccia della BCE di non acquistare titoli di Stato italiani se …

————————————————————————————————————————-

§ Sorprendente dichiarazione del Ministro Andrea Orlando (… davanti alla Bocca della Verità molti dicono come stanno veramente le cose ! )

Andrea Orlando confessa: governo sotto ricatto BCE sul pareggio di bilancio.

Il Ministro racconta che il pareggio di bilancio fu inserito in Costituzione sotto la pressione della BCE che, altrimenti, si sarebbe rifiutata di acquistare titoli del debito pubblico: https://youtu.be/KUfKB_Bastg

Il video non è più disponibile su youtube perchè il sito di Byoblu è stato oscurato: hanno tappato la bocca alla BOCCA DELLA VERITA’

leggi qui e sostieni l’informazione libera: https://www.byoblu.com/2021/03/30/una-sfida-per-tutti/

qui il video è rimasto: vedi dal minuto 1:09:31 al minuto 1:11:33

https://www.ilfattoquotidiano.it/2016/09/03/versiliana-2016-perche-si-perche-no-rivedi-il-dibattito-con-orlando-e-zagrebelsky/3011117/?pl_id=62743&pl_type=category
-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

§ Joseph Stiglitz, premio Nobel per l’economia: 366 pagine per spiegare perché l’euro non funziona

————————————————————————————————————

§ Romano Prodi spiega l’impatto sociale dell’austerity

http://www.repubblica.it/politica/2016/06/22/news/prodi_messaggio_al_governo_due_anni_bastano_per_logorarsi_necessario_cambiare_politiche_-142541909/

——————————————————————————————————————–

§ Confessio est regina probationum: <<la faustiana pretesa dell’euro>>.

Giuliano Amato, incredibilmente, afferma che l’Unione Europea, con la moneta comune, ha creato un sistema disfunzionale e lo ha fatto nonostante le indicazioni contrarie di molti economisti ed, ora, anche lui deve ammettere che le analisi critiche erano fondate e i fatti lo dimostrano

“era davvero difficile che funzionasse e ne abbiamo visto tutti i problemi”

https://youtu.be/2culAA6_wwY

Il video è uno stralcio della lezione di Amato tenuta il 6 maggio 2012 nel programma RAI “Lezioni dalla crisi. Il video dell’intera puntata è disponibile qui https://youtu.be/OmTpu1St7oc

Dalla parte iniziale della lezione, non compresa nella sintesi sopra riportata, richiamo queste significative parole:<< […] noi abbiamo fatto una moneta senza Stato. Noi abbiamo avuto la faustiana pretesa di riuscire a gestire una moneta, senza metterla sotto l’ombrello di un potere caratterizzato da quei mezzi e da quei modi che sono propri dello Stato e che avevano sempre fatto ritenere che fossero le ragioni della forza e della credibilità che ciascuna moneta ha.

———————————————————————————————————————–

§ Mario Monti, Senatore a vita, che ha prestato giuramento sulla Costituzione della Repubblica Italiana, ci spiega che è opportuno portare le decisioni di governo dell’economia AL RIPARO DAL PROCESSO ELETTORALE. Apprezziamo la sua sincerità, un po’ meno il disprezzo per la sovranità popolare. Pieno apprezzamento, invece, da parte della Hayek Foundation.

4 Comments

  • Martino Bonardi
    Aprile 3, , 1:35 pm

    Caro professore,
    proprio su stimolo del corso a cui partecipai alla LUSC ho incominciato a informarmi scovando a mia volta molte interessanti confessioni. In particolare una di Romano Prodi contenuta in questa intervista radiofonica in cui spiega chi comanda in Europa . Ascolti al minuto 12. Vedrà che è eccezionale https://www.radio24.ilsole24ore.com/programmi/24mattino-morgana-e-merlino/puntata/trasmissione-dicembre-2018-090339-gSLAgbC8vC

    • Eugenio Pavarani
      Aprile 4, , 7:17 pm

      L’Unione non è una squadra che compete con altre squadre di altri continenti. E’ un campo da gioco in cui si svolge la competizione tra squadre nazionali europee. Non esiste un interesse europeo di ordine superiore rispetto agli interessi nazionali. Ogni paese si batte per i propri interessi in gare in cui vince il più forte, o la coalizione più forte. Il Parlamento e la Commissione, organi che dovrebbero esprimere l’interesse europeo hanno campi d’azione limitati e nei processi decisionali hanno peso modesto rispetto al Consiglio, luogo di scontro tra i leader nazionali. Le parole chiave non sono cooperazione e solidarietà, come molti vorrebbero, ma concorrenza e competizione. Ci sono vincitori e ci sono perdenti, non solo tra Stati, ma anche e soprattutto tra classi sociali e tra capitale e lavoro. Le regole del gioco sono quelle del mercato che premia e penalizza. La politica e la democrazia sono nemiche del mercato e vengono fortemente depotenziate. Tutto questo è quanto di più lontano si possa immaginare rispetto al progetto di società prefigurato nella nostra Costituzione. Lo riconosce ormai anche Prodi.

  • odossy
    Maggio 7, , 7:01 pm

    I think, that you are not right. I am assured. Let’s discuss it.

Leave a Comment